È ANCORA POSSIBILE RICONOSCERE LA CITTADINANZA ITALIANA?

SI. Questo diritto è previsto dalla legge 91/1992, dalla circolare K-28 e dalla giurisprudenza. La base di questo diritto è il principio di ius sanguinis. Il diritto al riconoscimento si basa su prove documentali: certificati di nascita, certificati di matrimonio e certificati di morte degli antenati che formano l’albero genealogico della famiglia del richiedente, provando il legame del sangue con i suoi antenati, così come la CNN – Naturalizzazione dell’antenato italiano rilasciata dal Ministero della Giustizia brasiliano.

CHI HA UN DIRITTO ALLA CITTADINANZA ITALIANA?

a) Bambini, nipoti, pronipoti, ecc., di italiani, di tutte le generazioni, che mantengono sempre la linea paterna, cioè se la linea non ha donne in nessuna delle generazioni. Es: bisnonno, nonno, padre, richiedente (può essere maschio o femmina);
b) I figli di donne italiane che sono nati dal 1.1.1948, vale a dire ogni volta che avete una donna in mezzo alla linea di famiglia, il figlio della donna ottiene questa cittadinanza solo se nati dopo il 1948/01/01. Es: nonno, nonna, padre e / o madre (nati dopo il 1948/01/01), richiedente (questo può essere maschio o femmina) o bisnonno, nonno, madre, chiedendo uomo o donna (nati dopo il 1948/01/01).
c) Figli di donne italiane nate prima del 01/01/1948, cioè, c’è una donna in mezzo alla famiglia, e il figlio o la figlia di questa donna è nata prima del 01/01/1948 e / o è nata in Brasile. Es: bisnonno, nonna (nato in Brasile), madre, richiedente (questo può essere maschio o femmina) o bisnonno, nonno, madre, richiedente, maschio o femmina (nato dopo il 01/01/1948).

C’È UN LIMITE DI GENERAZIONE PER ACQUISIRE LA CITTADINANZA ITALIANA?

No. Alcuni settori del governo italiano, politici e partiti di destra in Italia hanno lavorato per limitare questo diritto, ma nulla è ancora cambiato. Il richiedente o interessato può chiedere il riconoscimento della cittadinanza italiana attraverso un parente nato da diverse generazioni, solo dimostrando il loro diritto di sangue attraverso la genealogia del suo albero genealogico. Basta fornire tutti i documenti (certificati di nascita, di matrimonio e di morte di tutti i loro antenati con sangue italiano: il trisnonno / trisnonna/bisnonno/bisnonna/, nonno / nonna, padre / madre e il Certificato di naturalizzazione negativa in Brasile, del suo antenato Italiano, nato in Italia.

CON IL RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA ius sanguinis POSSO PERDERE LA CITTADINANZA BRASILIANA?

No. Secondo l’emendamento costituzionale della revisione n. 3 del 1994, non vi sono restrizioni per quanto riguarda la nazionalità multipla dei brasiliani. Il brasiliano perde la sua nazionalità solo se richiede formalmente e ufficialmente, nella sua stessa procedura.

CHE COSA SIGNIFICA IL TERMINE “SALTI DI GENERAZIONE”?

Significa che è necessario presentare i certificati di nascita, matrimonio e morte di tutte le persone che fanno parte della catena di trasmissione, senza ometterne nessuna. I certificati devono essere presentati allo stesso tempo. Non è necessario aspettarsi che la cittadinanza dei genitori venga riconosciuta per chiedere il riconoscimento della cittadinanza dei propri figli. Cioè, un nipote, pro pronipote o pronipote può chiedere il riconoscimento della sua citadinanza italiana ius sanguinis senza che i suoi bisnonni, nonni e / o genitori siano italiani.

SONO DISCENDENTE ITALIANI E VORREI RICONOSCERE LA MIA CITTADINANZA ITALIANA, MA NON SO DOVE SONO I DOCUMENTI DEI MIEI ANTENATI. DOVE INIZIARE E COSA DEVO FARE?

Inizia chiedendo ai tuoi parenti e familiari se conoscono qualsiasi informazione dai tuoi antenati. È importante ottenere quanti più indizi possibile, come la regione d’Italia in cui è nato il tuo antenato italiano o dove è stato battezzato, la data approssimativa di nascita e il matrimonio. Quindi, è più facile sapere da quale regione d’Italia è arrivato in Brasile e sarà più facile individuare il suo certificato di nascita.

AVERE UN FAMILIARE (CUGINO/CUGINA) CHE  HA  AVUTO LA CITTADINANZA ITALIANA RICONOSCIUTA. PUO ‘FACILITARE IL MIO PROCESSO?

SI. In questo caso, devi scoprire in quale Consolato d’Italia in Brasile e / o Comune in Italia il tuo parente ha fatto il processo. Quindi dovresti contattarlo per sapere se ha copie dei documenti. Questo aiuterà molto nell’assemblare la tua cartella dato che dovrai montare una nuova cartella in modo che il tuo processo venga attivato, poiché i documenti hanno validità.

HO SENTITO DIRE CHE COLORO CHA HANNO LA DISCENDENZA ITALIANA DA UNA DONNA NON HANNO IL DIRITTO ALLA CITADINANAZA ITALIANA. È VERO?

Non proprio. Ti spiegherò! Il figlio di italiano nato dopo l’01/01/1948 ha diritto alla cittadinanza italiana. Il problema sta nel figlio italiano nato prima di quella data: la legge antecedente al 1948 affermava che ogni italiano che sposa uno straniero acquisisce automaticamente la cittadinanza del marito. Pertanto, c’era alcun trasferimento di cittadinanza al figlio generato in questo matrimonio, poiché la madre non era più considerata italiana. Con la promulgazione della Costituzione del 1948, gli stessi diritti furono concessa a uomini e donne, permettendo alla donna di trasmettere la cittadinanza italiana ai suoi figli anche se sposata con uno straniero. Molte sentenze sono già state emesse dalla magistratura italiana e c’è già una comprensione pacifica sull’argomento, compresa la giurisprudenza che riconosce l’incostituzionalità della legge precedente. Pertanto, la cittadinanza italiana è stata riconosciuta per via materna per coloro che la rivendicano in modo giudiziale.

I MIEI GENITORI NON SI SONO MAI SPOSATI, COSA DEVO FARE SE NON C’È UN CERTIFICATO DI MATRIMONIO?

In questo caso, sei considerato un “figlio naturale”, cioè è stato generato da un’unione non matrimoniale. Per la legge italiana dovrai dimostrare solo la parentela. Tale condizione non impedisce il trasferimento della cittadinanza italiana. Tuttavia, è necessario che l’ascendente dell’albero genealogico italiano sia registrato come dichiarante sul certificato di nascita. Se non era il dichiarante sul certificato di nascita, è necessario fornire una “dichiarazione pubblica di paternità / atto di maternità”, rilasciata da un notaio. Inoltre, sarà necessario produrre dal registro competente il certificato negativo di matrimonio, che dimostra che i tuoi genitori non si sono sposati in un notaio e che tale certificato non esiste.

DOPO LA MIA CITTADINANZA ITALIANA ESSERE RICONOSCIUTA LA MIA MOGLIE/MARITO AVRANNO ANCHE LORO DIRITTO?

SI. Dopo aver completato il processo di cittadinanza italiana, è possibile richiedere la cittadinanza italiana del coniuge tramite il matrimonio, che avieni con la naturalizzazzione. E va sottolineato che questa modalità di riconoscimento non comporta la perdita della cittadinanza brasiliana del tuo coniuge.

È SICURO CERCARE IL RICONOSCIMENTO DELLA MIA CITTADINANZA ITALIANA IN UN COMUNE IN ITALIA, PER VIA AMMINISTRATIVA, CON ASSISTENZA DI UN ASSESSORE?

La risposta è ovviamente NO, per diversi motivi: negli anni 2016 e 2017 sono stati arrestati diversi consulenti che hanno lavorato sulla via amministrativa con schemi criminali in Italia, insieme a funzionari pubblici italiani corrotti. Queste bande criminali sono responsabili di 500 a 750 casi all’anno in un singolo Comune. Hanno costituito fino a 50/75 casi di residenza contemporaneamente nella stessa proprietà. Dopo un’intensa attività di ricerca della Polizia di Stato, con la scoperta dei pagamenti di tangenti ai servizi pubblici e di polizia, traffico di influenza, l’uso di documenti falsificati, uso di false residenze, ha iniziato in tutto il paese una caccia alle streghe e un controllo molto più rigoroso. Quindi, sfortunatamente, come dice il proverbio: “Il buono paga per i peccatori”. A causa del male fatto da alcuni, milioni di persone sono stati danneggiati nella loro destra.
La cattiva volontà di alcuni funzionari pubblici italiani (non tutti ovviamente) che lavorano nei Comuni in Italia, con i cittadini italo-discendenti, così come gli abusi da parte della polizia municipale (vigilanza urbana) riguardo al controllo arbitrario e presenza e residenza xenofoba; gli eccessi dei dipendenti pubblici italiani in relazione alla raccolta di documenti non necessari, al rifiuto di documenti in perfette condizioni e condizioni, nonché al ritardo nella formulazione e conclusione del processo, senza rispettare i termini stabiliti dalla legge. Vengono create numerose difficoltà, in particolare quando il richiedente non parla la lingua, non conosce la procedura e si trova in un altro paese senza conoscere una sola persona.
Pertanto, sconsigliamo fortemente di cercare il riconoscimento della cittadinanza italiana ius sanguinis dai canali amministrativi di persona, in Italia, assumendo un consulente, poiché oltre ai problemi sopra menzionati, il cittadino italiano può, se provata corruzione e facilitazione, rispondere per corruzione attiva, senza sapere in  cosa è coinvolto o cosa è stato coinvolto nella sua azione in Italia, se il suo consulente è una persona che ha qualche tipo di regime di facilitazione criminale in Italia .
State molto attenti quando assumete un consulente, puoi essere coinvolto in un crimine! Se vuoi veramente fare il tuo processo di riconoscimento della cittadinanza italiana, in Italia, per via amministrativa faccia a faccia, fai il tuo processo e in realtà vieni a vivere nel paese, cioè, non aprire un processo di residenza fittizia.

GLI ASCENDENTI VIVENTI DEVONO PRENDERE PRIMA LA CITTADINANZA, COSÌ CHE IO POSSA DOPO RICHIEDERE LA MIA?

No. La procedura in Italia è diversa. La cittadinanza è ottenuta dal brasiliano di origine italiana che si reca in Italia, direttamente dall’antenato italiano e dall’albero genealogico nel suo insieme, attraverso il principio ius sanguinis.

ESISTE QUALSIASI GARANZIA CHE UNA RESIDENZA DI QUALCUNO IN ITALIA SARÀ ACCETTATA AL 100%?

No. Chi accetta o rifiuta la residenza di qualcuno in Italia è il responsabile ufficiale dell’Ufficio Anagrafe Comune in Italia, dove la persona ha fatto domanda per la sua residenza, sulla base del rapporto redatto da polizia municipale (vigilia urbana). L’assessore che assiste il suo cliente, spesso mette a disposizione una proprietà dove la persona richiederà la sua residenza accanto alla pubblica amministrazione. Il consulente non vende la residenza. L’assessore fornisce un servizio in Italia, simile a quello del spedizioniere in Brasile, fornisce un semplice servizio di assistenza e guida. Accompagna il suo cliente presso agenzie pubbliche e fornisce anche un servizio di interprete. Molto attenti perché molti assessori in Italia hanno schemi criminali che coinvolgono funzionari pubblici italiani corrotti, utilizzando case false per i loro clienti, che è considerato un crimine in Italia.

Ci sono prove che il processo di RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA, DIRETTAMENTE IN ITALIA, PER VIA AMMINISTRATIVA sarà riconosciuto al 100%?

NO. L’unico che nega o acetta il processo di riconoscimento della cittadinanza italiana ius sanguinis da chiunque è l’ufficiale responsabile dell’Ufficio Stato Civile dei Comune in Italia dove ci sta il processo, sulla base dei documenti (prove) e dei certificati presentati. Il consulente svolge solo un’attività di mezzi e non di fine, fornisce aiuti, senza garanzia di successo. Cioè, fornisce un servizio in Italia, simile a quello del spedizioniere in Brasile, non vende la cittadinanza, si limita a fornire un semplice aiuto e un servizio di orientamento. Accompagna il suo cliente presso agenzie pubbliche e fornisce anche un servizio di interprete. Sia molto cauto nell’assumere un consulente in Italia, visto che diversi Comuni sono sotto inchiesta in considerazione dei vari schemi criminali esistenti. E una delle vittime di queste bande puo essere te!

QUALI SONO I DOCUMENTI NECESSARI PER ISTRUIRE IL PROCESSO DI RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA?

La cittadinanza italiana è secondo il principio ius sanguinis. Per dimostrare questo diritto, è necessario organizzare:
a) Certificato di nascita di tutti i membri del tuo albero genealogico direttamente dal tuo antenato italiano (ascendente che è nato in Italia);
b) certificato di matrimonio di tutti i membri del tuo albero genealogico direttamente dal tuo antenato italiano (ascendente che è nato in Italia);
c) Certificato di morte di tutti i membri del suo albero genealogico in linea retta, poiché il suo antenato italiano (ascendente che è nato in Italia);
d) CNN – Certificato di naturalizzazione che dimostra che il suo antenato italiano non si è naturalizzato brasiliano rinunciando alla cittadinanza italiana. Includere tutte le varianti del nome dell’antenato italiano in tutti i certificati dell’albero genealogico. Questo è comune nel corso degli anni.

QUALI SONO LE MODALITÀ ESISTENTI PER IL RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA IUS SANGUINIS, DIRETTAMENTE IN ITALIA?

Via amministrativa – Di presenza
Negli anni 2016 e 2017 sono stati arrestati diversi consulenti che lavoravano sulla via amministrativa con schemi criminali in Italia, insieme a funzionari pubblici italiani corrotti. Queste bande criminali sono numerate da 500 a 750 casi all’anno in un singolo Comune. Hanno costituito fino a 50/75 casi di residenza contemporaneamente nella stessa proprietà. Dopo un’intensa indagine della Polizia di Stato, con la scoperta del pagamento di tangenti a funzionari e polizia italiani, traffico di influenza, uso di documenti falsi, uso di false residenze, esiste la caccia alle streghe e un controllo molto severo. Quindi, sfortunatamente, come dice il proverbio: “Il buono paga per i peccatori”. A causa del male fatto da alcuni, milioni di persone sono stati danneggiati nel loro diritto. Se stai per fare il tuo processo di riconoscimento della cittadinanza italiana attraverso l’amministrazione faccia a faccia, dai la priorità a farlo da solo, senza assumere un consulente, e in realtà vai a vivere nel paese, e non accettare un processo di residenza fittizio.
 
Via giudiziaria – MATERNA e PATERNA
I canali giudiziari sono realizzati in Italia attraverso un avvocato italiano. La petizione è depositata in un tribunale italiano poiché è in Italia che il Ministero Dell Interno è situato e non può essere fatto con un semplice consiglio. Non devi andare in Italia per entrare o anche completare il processo legale. Tutto è fatto per procure. Al termine dell’azione, essendo giudicata la richiesta, il giudice determinerà il Comune in cui è nato il suo antenato che emetta i tuoi documenti italiani. L’avvocato movimenta la giurisdizione, svolge un’attività di mezzi e non di fine, è il giudice che rappresenta la sentenza, giudica, decide, proroga la sentenza. Non c’è alcuna garanzia di successo di un avvocato nell’esecuzione di una causa.

POSSO FARE UN PERCORSO AMMINISTRATIVO SENZA ANDARE IN ITALIA? È POSSIBILE INIZIARE IL PERCORSO AMMINISTRATIVO IN ITALIA, ATTRAVERSO CON UNA PROCURA/DELEGA?

Il processo di riconoscimento della cittadinanza italiana ius sanguinis con il consolato italiano della giurisdizione in cui risiedi può essere attivato. Il problema è che il processo del consolato italiano può durare più di 15 anni, a causa dell’enorme coda di attesa e mancanza di rispetto alle scadenze legali di 730 giorni. Può anche essere attivato di persona in Italia, nel Comune in cui risiede la persona. Il problema è la difficoltà che un brasiliano avrà nell’affittare una proprietà di un cittadino italiano e la riluttanza della pubblica amministrazione italiana a fare il processo in Italia, che può richiedere da 6 a 12 mesi, se i documenti sono accettati e la richiesta di residenza è concessa. Molti brasiliani finiscono per assumere consulenti senza essere consapevoli delle loro azioni e corrono il rischio di essere coinvolti in programmi di facilitazione criminale supportati da funzionari pubblici e funzionari di polizia italiani corrotti.

QUANTI GIORNI DEVO RIMANERE IN ITALIA PER EFFETTUARE IL PERCORSO AMMINISTRATIVO?

Devi vivere in Italia per fare il processo attraverso via amministrativa, durante l’intero processo. E tu devi affittare una proprietà nel tuo nome. Non fare il tuo processo con aiuto di assessori, fallo da solo con l’aiuto di amici e parenti, se hai intenzione di correre questo rischio. Il processo può durare 4, 6, 10 o 12 mesi, a seconda della buona volontà della pubblica amministrazione italiana.

POSSO COMPLETARE IL PERCORSO AMMINISTRATIVO IN ITALIA ATTRAVERSO LA DELEGA?

No. In passato era possibile, ma non oggi. In considerazione dei vari schemi fraudolenti scoperti in Italia, la grande maggioranza dei comuni non accetta di finalizzare il processo con delega e richiede la presenza della persona in Italia durante tutto il processo.

CHE COS’È UN DELEGA? È UN DOCUMENTO GIURIDICO?

La delega è un documento legale ampiamente utilizzato in Italia, quando hai bisogno di una terza persona per ottenere risultati di esami, pacchi/poste presso l’ufficio postale, medicinali in farmacia e / o documenti nel Comune, ecc. In breve, è uno strumento legale, ma non serve per concludere un processo di riconoscimento della cittadinanza italiana ius sanguinis, in Italia.

COSA SIGNIFICA DIRE CHE L’AVVOCATO RENDE UNA ATTIVITÀ DI MEZZO, NON DI FINE?

L’avvocato movimenta la giurisdizione, svolge un’attività di mezzi e non di fine, chi giudica il merito è il giudice. Cioè, quando assumi un avvocato non significa che la domanda sarà approvata, dal momento che chi decide se la richiesta è valida o meno è il giudice responsabile per giudicare l’azione, questo sì, ha il potere di decidere in base alle prove raccolte nel processo e secondo la sua convinzione personale che è soggettiva.

COME FUNZIONA LA VIA GIUDIZIALE MATERNA E LA GIUDIZIALE PATERNA?

Un ricorso è portato davanti alla magistratura italiana che chiede il riconoscimento della cittadinanza italiana ius sanguinis. Non è necessario recarsi in Italia e essere presente a qualche audizione e / o atto del processo. L’azione può durare dai 18 ai 30 mesi. È possibile includere nella stessa domanda: fratelli, genitori e figli, ecc.

A CHI SI APPLICA LA VIA GIUDIZIARIA MATERNA?

Figli di donne italiane nate prima del 01/01/1948, cioè, c’è una donna in mezzo alla famiglia, e il figlio o la figlia di questa donna è nata prima del 01/01/1948 e/o è nata in Brasile. Es: nonno, nonna (nato in Brasile), madre, richiedente (questo può essere maschio o femmina) o bisnonno, nonno, madre, richiedente, maschio o femmina (nato dopo il 01/01/1948).

A CHI SI APPLICA LA VIA GIUDIZIARIA PATERNA?

Applicabile a coloro che non possono vivere in modo efficace in Italia per svolgere il loro processo di riconoscimento della cittadinanza italiana con mezzi amministrativi, sia per motivi di studio, lavoro e / o personali. Destinato ai bambini, ai nipoti, ai pronipoti, ecc., Degli italiani, in tutte le generazioni mantenendo sempre la linea paterna, cioè se la linea non ha donne in nessuna delle generazioni. Es: bisnonno, nonno, padre, richiedente (può essere maschio o femmina); e figli di donna italiana che sono nati dal 01/01/1948, cioè, ogni volta che ha una donna nella linea genealogica, il figlio di questa donna riceve questa cittadinanza solo se è nato dopo l’01/01/1948. Es: nonno, nonna, padre e / o madre (nati dopo il 1948/01/01), ricorrente (questo può essere maschio o femmina) o bisnonno, nonno, madre, chiedendo uomo o donna (nati dopo il 1948/01/01).

POSSO PROCEDERE CON LA VIA GIUDIZIARIA MATERNA TRAMITE UN COMUNE?

NO. Può essere fatto solo attraverso un avvocato italiano. Un’azione è portata davanti alla magistratura italiana.

HO BISOGNO DI UN AVVOCATO IN ITALIA PER FARE LA VIA GIUDIZIARIA MATERNA E/O GIUDIZIARIA PATERNA?

SI. Perché devi citare in giudizio. E ‘obbligatorio assumere un avvocato italiano in grado di agire dinanzi al tribunale ordinario di Roma, perché è lì che si trova il Ministro Dell’Interno.

È CONSOLIDATA LA GIURISPRUDENZA IN ITALIA IN RELAZIONE AI PROCESSI DI RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA DA PARTE DELLA MADRE?

Nel caso del percorso giudiziario materno, esiste una giurisprudenza consolidata dal 2009. Nel caso della via paterna, non ancora. Ma alcuni giudici italiani hanno già trovato un accordo per via giudiziaria paterna. Ma è sempre bene ricordare che in entrambi i casi a giudicare è il giudice e l’avvocato sposta solo la giurisdizione, e anche con giurisprudenza o no ci sono state molte sentenze favorevoli, un giudice può respingere un’azione secondo la sua personale comprensione e convinzione.

CHE COS’È UN CERTIFICATO DI TUTTO IL CONTENUTO?

Il certificato di testo completo è una trascrizione completa del documento originale redatto nell’ufficio di un notaio. È un documento che registra tutte le informazioni in dettaglio del documento, ad esempio: tempo, luogo di nascita, testimoni, ecc. Attualmente, solo i certificati di contenuto completo sono accettati nel processo di riconoscimento della cittadinanza italiana.

PERCHÉ DEVO TRADURRE I MIE DOCUMENTI PER L’ITALIANO?

Perché per avere valore in Italia, questi documenti ai sensi del Trattato dell’Aia devono essere tradotti da un traduttore certificato e legalizzati Via Apostille in un ufficio competente in Brasile. Inoltre, se non fossero stati tradotti, i dipendenti pubblici in Italia non avrebbero capito cosa è scritto sui certificati e non avrebbero nemmeno esaminato i documenti.

PERCHÉ DEVO LEGALIZZARE I MIE DOCUMENTI VIA APOSTILLE, IN BRASILE?

Devi legalizzarli perché sono documenti emessi da notai brasiliani ai sensi del Trattato dell’Aia e secondo la Risoluzione del CNJ – Conselho Nacional de Justiça. Altrimenti non avrebbero validità in Italia.

QUAL È LA VALIDITÀ DEI MIEI CERTIFICATI BRASILIANI QUANDO EMESSO LE CARTELLE? E QUAL È LA CONVALIDA DI LORO PER L’USO IN ITALIA DOPO LA LEGALIZZAZIONE?

I certificati di nascita e di morte sono validi per 12 mesi ei certificati di matrimonio sono validi per 6 (sei) mesi e devono essere legalizzati prima del completamento di 180 giorni delle loro emissioni. Dopo essere stato legalizzato tramite Apostille presso un competente ufficio notarile brasiliano, in teoria, non esiste una data di scadenza, poiché la legislazione italiana non prevede tale situazione. Ma questa accettazione dipende e può variare, dal momento che ogni Comune in Italia ha la propria comprensione. Il più sicuro è lavorare con la validità generale di 6 mesi.

MIO PADRE SPOSATO DUE VOLTE, DEVO UNIRE I CERTIFICATI DI ENTRAMBI MATRIMONIO NEL MIO PROCESSO?

NO. È sufficiente aderire solo al certificato di matrimonio la cui nascita è stata il frutto di questa unione. Ora se sei il frutto del secondo matrimonio e sei certificato in qualche certificato dell’esistenza del primo matrimonio, sarà necessario organizzare diversi documenti del processo di divorzio del primo matrimonio.

CHE COSA SONO I DOCUMENTI LEGALIZZANTI?

Dopo l’entrata in vigore del trattato dell’Aia, la legalizzazione dei documenti sono realizzati nel notaio brasiliano pertinente e vieni chiamato sistema Apostille ai sensi della risoluzione CNJ – Consiglio Nazionale di Giustizia. È l’atto con il quale i documenti diventano idonei per essere usati in Italia.

UN MIO FAMILIARE NE HA GIÀ LA CITTADINANZA ITALIANA, POSSO USARE I SUOI ​​DOCUMENTI PER FARE LA MIA?

Il primo passo è scoprire dove questo parente ha ottenuto il riconoscimento e dove è stato il processo: Brasile o Italia? Se è stato in Brasile, dovrai trovare il numero del processo e aggiungere i documenti mancanti. Vale la pena notare che non tutti i consolati italiani accettano che i parenti usino cartelle di altri parenti. E hai il problema della coda, il tuo processo sarà trattato in modo uguale a quelli che sono all’inizio della coda, che è enorme e può richiedere 10, 12, 15 anni. Se è stato in Italia, dovrai trovare il Comune italiano. Se la cartella è ancora in Comune, puoi utilizzare la cartella del tuo familiare aggiungendo i documenti mancanti. Sottolineiamo che vale la pena usare la cartella di un parente in caso di fratelli (sorelle) e cugini.

SE HO FIGLI MINORENI/MAGGIORENI È POSSIBILE INCLUDERLI nel processo e anche ottenere la CITTADINANZA PER LORO INSIEME ALLA MIA PER VIA GIUDIZIARIA?

SI. Perfettamente possibile. Basta includere i certificati di nascita nel processo in modo che vengano trascritti alla fine. Se il caso viene accolto, il Giudice responsabile della domanda deve stabilire nel Comune dove è nato l’antenato italiano per trascrivere i documenti italiani, i suoi e i dei suoi figli.

COM’E la mia situazione di marito/moglie dopo che io ho avuto la mia CITTADINANZA ITALIANA RICONOSCIUTA? POTRANNO LAVORARE E VIVERE IN ITALIA E / O IN EUROPA?

SI. Potra lavorare e vivere in Italia. Basta chiedergli il permesso di soggiorno. E nel caso vorresti vivere in un altro paese appartenente all’area Schengen potrete richiedere il visto del coniuge al servizio di immigrazione, presentando il certificato di matrimonio italiano che  saranno forniti al termine del processo. Il permesso di soggiorno è un visto valido solo in Italia. Ma è bene chiarire che prima che la tua cittadinanza italiana (Attesa di Cittadinanza) sia riconosciuta, né tu né il tuo coniuge potete lavorare legalmente in Italia. La concessione o meno di tale visto è il potere discrezionale della pubblica amministrazione italiana, che può essere concesso e / o negato.

È POSSIBILE LAVORARE IN ITALIA MENTRE LA MIA CITTADINANZA ITALIANA NON È APPROVATA E IL MIO PROCESSO È COMPLETATO?

No. Mentre sei in attesa del tuo processo di riconoscimento della cittadinanza italiana, ius sanguinis non puoi lavorare legalmente in Italia.

SE qualsiasi familiare mio ha già ha ottenuto la cittadinanza in Brasile, potro utilizzare la loro cartella per fare il mio processo IN ITALIA PER VIA amministrativa e / o GIUDIZIARIA?

No. Il processo di riconoscimento della cittadinanza italiana in Brasile, realizzato presso il Consolato d’Italia, non ha nulla a che fare con il processo di riconoscimento della cittadinanza italiana fatto dalla magistratura italiana e / o Comune in Italia. Sono diverse le procedure e incomunicabili!

CHE COS’È UN COMUNE?

È l’unità di base dell’organizzazione territoriale in Italia, amministrativamente equivalente al comune in Brasile.

CHE COS’È LA QUESTURA?

È il Dipartimento di Polizia di Stato, con competenza provinciale. È un organismo subordinato del Ministero degli Interni italiano. Il suo compito principale è quello di assicurare il mantenimento dell’ordine e l’emergenza pubblica all’interno della Provincia. Svolge attività costanti di prevenzione e repressione dei crimini. Agisce per proteggere e difendere i cittadini. Agisce anche come una polizia di frontiera, equivalente alla polizia federale in Brasile.

DEVO FARE UN SICURO DI VIAGGIO PER ANDARE IN ITALIA?

È una domanda senza risposta. Molte persone riferiscono che è obbligatorio dal trattato di Schengen. Ma onestamente, non abbiamo mai visto una tassa turistica all’aeroporto al momento del tuo arrivo. Ma, comunque, è importante viaggiare con un sicuro di viaggio per necessità mediche. E non è costoso!

Quali documenti sono rilasciati dal Comune alla fine del mio processo di RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA SIA PER VIA GIUDIZIARIA O AMMINISTRATIVA?

Certificato di Cittadinanza, Certificato di Nascita, Estratto di Dell’atto matrimonio (se incluso nel processo) e Certificato di Nascita dei figli (se incluso nel processo), mentre nel caso di quest’ultimo solo alcuni Communi emmetono i certificati e solo se entrambi i coniugi e i bambini vivono in Italia, e se il processo è stato fatto per via amministrativa.

CHE COS’È AIRE?

Esempio:


Un cittadino brasiliano che ha riconosciuta la cittadinanza italiana in Italia ed è tornato in Brasile per vivere a San Paolo, non ha fatto la registrazione in A.I.R.E., e dopo 10 anni ha bisogno di rinnovare il passaporto. Il Consolato Generale d’Italia di São Paulo non può rinnovare il passaporto perché il cittadino non è registrato nel suo A.I.R.E. Pertanto, questa persona deve prima iscriversi in A.I.R.E. diventare residente di tale distretto consolare e poter richiedere il rinnovo del passaporto.

COME REGISTRARSI NELL’AIRE DEI CONSOLATI ITALIANI?

La domanda di registrazione può essere presentata tramite una lettera indirizzata all’Ufficio A.I.R.E. del Consolato italiano della tua giurisdizione territoriale e / o in alcuni casi via e-mail. I documenti richiesti sono:
Modulo di domanda (vai al sito web del Consolato Italiano per scaricarlo);
Prova di residenza;
Solo per l’italo-brasiliano, presenta una semplice fotocopia del riconoscimento del documento di identidade. Caso la cittadinanza italiana è stata fatta direttamente in Italia, è necessario collegare un unico Certificato di Cittadinanza (Cittadinanza Certificate), e la copia autenticata del Passaporto Italiano o Carta d’identità.

CHE COS’È IL CODICE FISCALE?

È equivalente al CPF in Brasile.

CHE COS’È TESSERA SANITARIA?

È il documento che certifica che sei iscritto al sistema sanitario italiano. Dovrebbe essere visualizzata ogni volta che si va in ospedale, in farmacia per comprare le medicine, a comprare le sigarette e per contrassegnare gli esami e interventi chirurgici.

LA CITTADINANZA A RICONOSCIUTA AI ITALO-BRASILIANI ATRAVERSO IL PROCESSO AL CONSOLATO O IN ITALIA, DINANZI AI GIUDICI E/O COMUNE IN ITALIA E ‘DIVERSO DA QUELLO IN CUI SI OTTIENI IN ITALIA alla nascita?

No. È lo stesso. Identico e con gli stessi diritti. Non esiste una cittadinanza di seconda classe, di secondo livello o parziale. I cittadini italiani nati o non in Italia, e successivamente riconosciuti, anche in età adulta, hanno gli stessi diritti.
Cioè, tutti i cittadini italiani sono uguali davanti alla legge. Poiché l’Italia fa parte dell’Unione Europea, i cittadini italiani non hanno restrizioni sulla mobilità, gli studi, l’alloggio e le attività commerciali nei paesi Schengen, per non parlare dell’Italia.
È possibile aprire le imprese, studiare, affittare una casa, acquistare proprietà, aprire un conto in banca, comprare una macchina, viaggiare nell’area Schengen senza visto e solo con l’identità italiana, hanno accesso alle scuole pubbliche, la salute pubblica, programmi sociali, sicurezza sociale, ecc.

Roma, 11 gennaio 2018


Scarpelli Dos Santos Reis, Luiz Gustavo, advogado e cittadino italiano-brasiliano che agisce per il riconoscimento della cittadinanza per i Cittadini di Ceppo italiani Nati a l’estero (Brasile, Argentina e Stati Uniti) e sull’immigrazione legge. Registrato in Brasile presso l’Associazione degli Avvocati di MG, SP, RJ, ES e GO. Membro e giurista dello IAMG – Istituto degli Avvocati di Minas Gerais, Brasile. In Europa è membro del Council of Bars and Law Societies of Europe. In Italia è Avvocato Stabilito iscritto nell’Albo della Ordine degli Avvocati di Roma e nell’Albo del Consiglio Nazionale Forense di Italia. In Portogallo è avvocato iscritto al Consiglio di Lisbona dell’Ordine degli Avvocati Portoghesi. Creatore della “catena del bene” che combatte la pirateria e le mafie che operano nell’illegalità nel mondo della cittadinanza italiana in Brasile e in Italia, già avendo guidato gratuitamente oltre mille (1.000) persone.